Gianfranco Ferrè e Michel Comte, interpetrano la bellezza neoclassica

Gianfranco Ferrè e Michel Comte, interpetrano la bellezza neoclassica

0

Il Pret à Porter di Gianfranco Ferré e l’arte fotografica di Michel Comte in una mostra-evento che  si ispira a Maria Luigia d’Asburgo-Lorena a Parma,  Imperatrice dei Francesi e Duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Palazzo del Governatore di Parma è la sede dove è possibile ammirare la perfetta fusione di moda e arte  dal 30 settembre al 15 gennaio 2017.

Al primo piano si la mostra “Gianfranco Ferré e Maria Luigia: inattese assonanze”, a cura di Gloria Bianchino e Alberto Nodolini, in collaborazione con la Fondazione Gianfranco Ferré, mentre il secondo verrà completamente dedicato alle installazioni di Michel Comte per la mostra “Neoclassic”, curata da Jens Remes, in collaborazione con Alberto Nodolini e Anna Tavani.

“Gianfranco Ferré e Maria Luigia: inattese assonanze”, a cura di Gloria Bianchino e Alberto Nodolino, propone un’ampia selezione di capi delle collezioni Alta Moda e Prêt-à-Porter, frutto di un lavoro di ricerca finalizzato all’individuazione di sorprendenti connessioni tra alcune declinazioni dello stile di Ferré e le passioni, il gusto, i tempi della “Buona Duchessa”.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Sessanta splendidi abiti  esposti in mostra, accompagnati dai bozzetti preparatori. La mostra intende creare un percorso emozionale e filologico al contempo.

Articolata in ambienti tra loro ben distinti, si dipana una vicenda, non solo e non tanto connotata in termini storico-temporali, quanto concepita ponendo l’accento sui gusti, le passioni, le fascinazioni dell’epoca e dunque della protagonista Maria Luigia.

Da sempre attratto dalle grandi donne della storia, Gianfranco Ferré nelle sue collezioni vive come costante il richiamo alle mode del passato.  In un gioco di assonanze estetiche, gli abiti esposti mostrano chiaramente come Ferré dialoghi con la cultura neoclassica, cogliendo l’essenza del vestire, da Giuseppina di

Beauharnais, prima moglie di Napoleone, alla “Buona Duchessa” Maria Luigia, consorte in seconde nozze di Napoleone.

Nel suo guardare al passato Ferré non lavora sull’insieme, ma sui particolari, che, destoricizzati, vengono esaltati e resi contemporanei.

 

Salva

Salva

Commenti