Consigli su quali pesci mangiare d’estate

Consigli su quali pesci mangiare d’estate

0

Nella stagione calda si usa evitare la carne in cucina, ma non sempre i prodotti del mare sono adatti al periodo. Ecco una guida per non sbagliare scelta dal pescivendolo di fiducia

pesce d'estate

Nei mesi più caldi dell’anno è piacevole mangiare un piatto di spaghetti allo scoglio, un trancio di pesce spada marinato alla griglia o una frittura di pesce, ma siamo sicuri che i prodotti mangiati siano veramente freschi? Come per la frutta e la verdura, anche il pesce ha la sua stagionalità e ci sono alcune specie che si trovano naturalmente d’estate, mentre altre no.

Vediamo allora quali pesci mangiare in estate per essere sicuri di non imbatterci in prodotti congelati.

  1. Orata. È uno dei pesci più amati, anche dai bambini. Piace per il suo sapore delicato e per la sua versatilità in cucina, che permette di sbizzarrirsi in tante ricette: al sale, alla griglia, al forno, al cartoccio. Non è un pesce azzurro ma comunque contiene una buona dose di acidi grassi e un basso contenuto di colesterolo.
  2. Ricciola. A differenza dell’orata, questo pesce non può essere allevato per la sua natura di predatore vorace in continuo movimento. Questo è uno dei motivi che la rendono pregiata, ma non è l’unico perché la ricciola è interessante anche dal punto di vista nutrizionale, poiché contiene: omega3, potassio, fosforo, proteine ad alto valore biologico e poche calorie.
  3. Acciuga o alice. L’estate è il momento giusto per mangiare questo prodotto ittico molto sfizioso e ottimo per la nostra salute. Appartiene alla famiglia dei pesci azzurri, ricchi di omega3, fosforo, potassio, ferro e calcio.
  4. Sardina. Simile all’acciuga, la sardina contiene una buona dose di vitamine B12 e D, calcio, fosforo, selenio e omega3. È uno dei pesci definiti poveri: semplici, economici, facili da trovare soprattutto in estate, la loro stagione.
  5. Granchio. Contiene tante proteine ma pochi grassi, oltre a un notevole apporto di vitamine del gruppo B. Attenzione però al colesterolo e al fatto che, purtroppo, questi crostacei hanno un alto potere allergizzante.
  6. Pesce spada. Sicuramente uno dei simboli dell’estate, da assaporare con la pasta, alla griglia, al cartoccio, al forno o semplicemente crudo. Le carni sono costose ma magre, facilmente digeribili e apportano una buona dose di vitamine e di minerali come potassio, fosforo e selenio.
  7. Scampi. Crostacei simili al gambero, si prestano bene a vari tipi di cottura. Vanno provati fritti, oppure al forno e assaggiati nei primi piatti o in una ricca catalana. Tra le ricette a base di scampi non può mancare il cocktail.
  8. Sgombro, sogliola, triglia, nasello, tonno, sarago. Sono pesci presenti tutto l’anno e quindi anche in estate. Buoni e dall’alto valore nutritivo.

Salva

Condividi l'articolo

Metti un "like" su quest'articolo

Commenti