Alcuni consigli per mangiare senza ingrassare a Pasqua

Alcuni consigli per mangiare senza ingrassare a Pasqua

0

Alcuni suggerimenti su come superare indenni, o quasi, le grandi “scorpacciate”di Pasqua senza rinunciare ai piaceri della tavola

mangiare a pasqua senza ingrassare

 

Come superare indenni le solenni scorpacciate pasquali senza rinunciare ai piaceri della tavola? Ciò sembra impossibile, ma invece seguendo alcuni consigli si può mangiare evitando la preoccupazione e lo stress di ingrassare.

Sull’eterno dilemma Uovo di cioccolato o Colomba proviamo a fare chiarezza.

Per quanto buonissima, la Colomba pasquale è una vera bomba di grassi e zuccheri. Se proprio non volete rinunciarci, concedetevene una fetta a merenda o a colazione, piuttosto che a fine pasto: terrete sveglio il metabolismo, ricavando energia senza appesantirvi.

L’uovo di Pasqua, invece, ha molte calorie ma anche tutte le proprietà benefiche del cioccolato (che, ricordiamolo, è un antidepressivo naturale e contiene molti antiossidanti). Sceglietelo sempre fondente, meno calorico e più salutare di quello al latte.

Sull’alcol nessun diniego, ma la raccomandazione è di bere con moderazione. Non bevete più di uno o due bicchieri di vino, niente alcolici fuori pasto, e se possibile rinunciate ai bicchierini dell’ammazzacaffè o del digestivo. 

si può mangiare evitando la preoccupazione e lo stress di ingrassare

È probabile che tra pranzi in famiglia, cene con gli amici e picnic fuori porta, durante le vostre vacanze di Pasqua non ci sarà molto tempo per fare dello sport. Qualche passeggiata in compagnia vi aiuterà comunque a bruciare un po’ di calorie in eccesso e a tenere sveglio il metabolismo: bastano anche 30 minuti al giorno, a passo veloce.

Sulle vostre tavole arriveranno prelibatezze di ogni tipo, e rifiutare i piatti più calorici (fritti, paste al forno, carni grasse) senza neanche sentirne un pezzettino sarebbe proprio un peccato – e magari potrebbe far offendere chi quel piatto l’ha cucinato! Non dovete rinunciare a priori a nessun alimento: potete assaggiare un po’ di tutto, riducendo però le porzioni e imparando ad ascoltare il vostro senso di sazietà, fermandovi quando siete sazie e non mangiando solo per gola.

Evitate le salse e i condimenti troppo grassi: spesso sono proprio quelli che fanno lievitare le calorie di un piatto. Non toccate il cestino del pane e dei grissini. Se prima dei pasti si fa un aperitivo cercate di non “spiluzzicare” eccessivamente e, ovviamente, evitate i fuori pasto.

Commenti